Sei nel sito dell'architetto Pino De Nuzzo - You are in the site of architect Pino De Nuzzo - Vous tes dans l'emplacement de l'architecte Pino De Nuzzo - usted est en el sitio del arquitecto Pino De Nuzzo - sie sind im aufstellungsort des architekten Pino De Nuzzo

PILLOLE DI SAGGEZZA POPOLARE SALENTINA.

Premessa

Proverbi

Stornelli

Indovinelli


Filastrocche, Nenie e Cantilene

 Rimedi poveri contro le malattie

 Antiche ricette di cucina popolare  

Feste, Riti e Usanze

i Cunti


 

Filastrocche, Nenie e Cantilene

 

 


Arri, arri, cavallucciu,

Arri, arri, cavallucciu,

sciamu a Lecce llu pap,

ne ccattamu nu bellu ciucciu

Arri, arri, cavallucciu,

corri, corri, cavalluccio,

andiamo a Lecce da pap

ci compriamo un bell'asinello

corri, corri, cavalluccio


Ci la mamma lu sapa

Ci la mamma lu sapa,

tutta a niuru se minta,

ca lu vagnone sta suffra,

p llu dente ca nasca.

se la mamma lo sapesse,

si vestirebbe tutta di nero,

per il bambino che soffriva,

per il dente che spuntava


Quannu canta

Quannu canta la cicala,

fuci, fuci, alla culummara,

quannu canta lu cicalune,

fuci, fuci, allu cippune,

quando canta la cicala,

corri, corri nel ficheto,

quando canta il cicalone

corri, corri nel vigneto

torna su


Lu sonnu

Lu sonnu, beddhru meu,

era vintu,

truvu la porta chiusa,

e se n' scitu.

Il sonno, bimbo mio, era venuto,

trov la porta chiusa e se n' andato


Neddhra

A neddhra, neddhra, neddhra,

a mamma brutta,

a fija beddhra;

nedda, nedda, nedda,

la mamma brutta la figlia bella


Ninna nanna (1)

Oi ninna nanna

o nanna ca nu vne,

quale signra

intra a camera te tne,

Oi ninna nanna

o nanna ca nu vnne,

quale signra

intra a camera te tnne,

o ninna nanna, o sonno che non viene,

quale signora nella sua camera lo tiene,

o ninna nanna, o sonno che non venne

quale signora nella sua camera lo tenne  

torna su


Ninna, nanna (2)

Ninna, nanna, ninna, nanna,

centu tuccatine

daje la mamma,

e centu ne daje la zia,

cu sse ccatta la masseria;

ninna, nanna, ninna, nanna,

cento toccatine d la mamma

e cento ne d la zia per comprare la masseria.


Ninna nanna te la mamma

Quanta pena e fatia

face na mamma,

p criscire n fiju an gloria a Diu,

a quattr'anni alla scola lu mannu,

a diciottu a Napuli partu.

A vintiquattru lu rivtte la mamma,

ne disse: "benvintu, fiju mu",

la nora ssittata mmenzu csa,

"ci ca cunta

cullu ninneddhru mu?".

Citta staje la mamma sventurata

ca la crisciutu comu le Diu,

"Lassala scire,

ddhra vecchia macra,

ca ci t'aggiu pijatu, sinti sulu mu",

Iddhru zzannu le spddhre:

"vai e campa comu le Diu",

Chingu lu latte te lu pettu mu

ca p quantu sucva

lu sngu me ssiu.

Quanta pena e fatica fa una madre

per crescere un figlio con tutti i sacrifici,

a quattro anni lo mand a scuola

a diciotto parti per Napoli,

A ventiquattro lo rivide e gli disse:

"bentornato figlio mio"

la nuora che era seduta in casa:

"chi sta parlando con il tesoruccio mio"

Silenziosa stava la madre poverina,

che lo ha cresciuto con i sacrifici.

" Lasciala perdere quella vecchia megera

che se ti ho preso, tu sei solo mio"

Lui, alzando le spalle (rivolto alla madre)

"vai e vivi facendo sacrifici",

Piango il latte del mio seno

che per tanto succhiare

invece  di latte usci sangue

 

torna su


Bona sera e bonanotte,

Bona sera e bonanotte,

e le fave nu su cotte,

e li ciciri su squajati,

bona sera, mesciu Pati;

buona sera e buona notte

e le fave non son cotte

ed i ceci son stracotti

buona sera maestro Pati.


Bona sera signurina,

Bona sera signurina,

pe lla fame se camina,

ci me tai na fisellina,

bona sera, signurina;

buona sera signorina,

per la fame si cammina

se mi dai una frisellina

buonasera signorina


A caddhrina zoppa

A caddhrina zoppa, zoppa,

quante pinne porta a nocca,

e ne porta vintiquattru,

unu, doi, trete e quattru;

la gallina zoppa quante

penne porta a fiocco

e ne porta ventiquattro,

uno, due, tre e quattro


e nina ....

e nina,nina, nina,

comu lu piji lu munnu v,

e lu piji a futtipupe,

a futtipupe se ne va;

e nina, nina, nina,

come lo prendi il mondo va

e lo prendi a presa in giro,

a presa in giro se ne va.  

torna su


Musci, musceddhru,

Musci, musceddhru,

cattu, catteddhru,

vene lu tata

e tte nnuce nu ceddhru,

lu minte su a banca,

vene u cattu niuru

e se lu mancia

poi vene u cattu ta zi Maria,

isti, isti, te casa mia;

gatto, gattello,

viene pap e ti porta un uccello

lo mette sulla tavola, viene il gatto nero e se lo mangia

poi viene il gatto della zia Maria,

vattene fuori da casa mia.


Oi te cuntu nu cuntu,

Oi te cuntu nu cuntu,

spetta mme ppuntu,

nasu te ggiuntu,

pete stuccatu,

pija la mazza e dai ncapu,

e nu dare mutu forte

ca te sente u scasciaporte,

e nu dare mutu chianu

ca te sente lu guardianu,

scei intra na caseddhra

e cchiai na pecureddhra

la tajai feddhre, feddhre,

la purtai alla signurina,

la signurina sta liggia,

lu guardianu sta scrivia,

la pignata sta rusciava

e lu porcu piritava.

vuoi che ti racconti una storia

aspetta che mi abbottono,

naso di giunto, piede spezzato,

piglia la mazza e dai in capo,

e non dare troppo forte

che ti sente il rompiporte

che per tanto succhiare

e no dare molto piano

che ti sente il guardiano

andai in una casetta

e trovai una pecorella

e la tagliai fette, fette,

la portai alla signorina,

la signorina stava leggendo

il guardiano stava scrivendo,

la pentola stava bollendo

e il maiale scorreggiava.  

torna su


quannu passa Epifania

quannu passa Epifania tutte e feste porta via,

poi se ngira Santu Pati, e mie p ci me lassati?,

rispunne a Cannilora "nci su ieu ancora!",

poi se ngira L'acateddhra: "nci su ieu la cchiu beddhra!";

quando passa Epifania tutte le feste porta via

poi si gira S.Pati: "ed io che ci sto a fare?"

risponde la Cannilora: "ci sono io ancora"

poi si gira l'Agatella ci sono io la pi bella.


lu male te la fija

lu male te la fija

tutta me mpija,        

tutta me mpija

lu male te la nora, 

nu me fete e nu m ndora;

il dispiacere della figlia mi addolorano,

il dispiacere della nuora non mi puzza n mi odora.


la paparina mia,

la paparina mia, ci me la fazzu,

se lagnava donna Ciccia

a don Galeazzu,

se nu mme la dai,

cu ggiungu lu capazzu

la verdura mia, che me la faccio,

si lagnava donna Ciccia a don Galeazzo,

se non me la dai per aggiundere il   (?)

 

 Ci che chiamato "Capazzu"nella filastrocca "La paparina mia", maggiormente conosciuto come "Lapazzu"...
Nella versione originale la filastrocca recita: " E nazzu nazzu nazzu
la paparina cu lu lapazzu
nah ca senza lu lapazzu
la paparina ci me la fazzu."
Il punto (?) della traduzione, pu essere agevolmente sostituito con "Lapazio" (botanicamente conosciuto come "Rumex patientia"); sorta di "bietola" selvatica che serve ad addolcire, nella cottura, il gusto agreste della "paparina".

Un saluto da un salentino sparso per il mondo, ma con le sue radici nel cuore.

Fabio Ciliberti

 

torna su


se oi cu passi

se oi cu passi

nna bona sciurnata

fatte na bona manciata,

se oi cu passi

na bona settimana

cciti la pecura

e manciatela sana,

se oi cu passi

nnu bonu mese, nzurate,

se oi cu passi nna bona vita,

fatte prete;

se vuoi passare una buona giornata

fatti una buona mangiata,

se vuoi passare una buona settimana

uccidi la pecora e mangiatela sana,

se vuoi passare un buon mese, sposati,

se vuoi passare una buona vita, fatti prete.


finch fui nora,

finch fui nora,

nu truvai nna socra bbona,

mo ca socra maggiu fatta,

nu truva na nora cu me piazza;

finch fui nuora

non trovai una buona suocera

ora che suocera son diventata,

non trovo una nuora che mi piaccia.


simu fratelli,

simu fratelli, va bene, va bene,

ma li sordi, ci li tene se li tene;

siamo fratelli, va bene, va bene

ma i soldi chi li tiene se li tiene


cranineddhra

cranineddhra, veni qua vanna,

ca te dau lu pane te Spagna,

e lu minti sutta u cuscinu

cu tu mangi crai a matinu.

rondinella vieni di qua

che ti do il pane di Spagna

e lo metti sotto il cuscino

te lo mangi domani al mattino.


oi te cantu

Oi te cantu

na canzune curta, curta?

nturtija i maccaruni

e mina a mmucca.

vuoi che ti canti una canzone corta corta

attorciglia i maccheroni e butta in bocca.  

torna su


catta nchiata

nc'era na catta nchiata,

se binchiau te simulata,

se binchiau te maccarruni,

scuruddhrau tutti i scaluni.

c'era una gatta gonfia

che si riemp di semolino

si riemp di maccheroni

e cadde dai gradoni.


NNazzu

nnazzu, nnazzu, nnazzu

la paparina cu lu lapazzu

la mamma la cucina

lu lapazzu e la paparina.

None, none, none,

nu n' ommu bbascia a fore,

ommu cu stescia a casa

a fore cu mmanna nu servitore.

Nella, nella, nella,

ci te ziccu te minu nterra

te minu ventri susu

te lu mozzicu ddhru musu.

E nai, nai, nai, e nai, nai, nai,

e nai, nai, nella

ci te ziccu te minu nterra,

lu beddhru te lu musu,

te lu mintu ventri susu.

Nanna , nanna ,

stu beddhru fiju a ci lu d,

e lu dau alla befana

se lu tene na settimana,

e lu dau all'ommu neru

se lu tene n'annu interu,

e lu dau allu bon Ges

se lu tene n'annu e pi.

Nazzu, nazzu, nazzu,

ca tantu beddhru

ci me lu fazzu,

lu vitine le zitelle

e se lu portane mpalazzu.

Nazzu, nazzu, nnazzu, la paparina col il lapazzo(*)

la mamma la cucina il lapazzo e la paparina.

No, no, no, non uomo per andare nei campi,

uomo da stare a casa, nei campi ci vada il servitore.

Nella, nella, nella, se ti prendo ti butto a terra,

ti metto a pancia in su, e ti do un morso sulle labbra.

Nai, nai, nai, e nai, nai, nai, e nai, nai, nella,

se ti prendo ti butto in terra,

quello dalle belle labbra, lo metto a pancia in su.

Nanna oh, nanna oh, questo bimbo a chi lo do,

lo do alla befana, se lo tiene una settimana,

lo do all'uomo nero, se lo tiene un anno intero,

lo do al buon Ges se lo tiene un anno e pi.

Nazzu, nnazzu, nnazzu,

che tanto bello che me ne faccio,

lo vedono le zitelle e se lo portano in palazzo.

 

(*) la paparina ed il lapazzo sono tipi di verdure

 

Ci che chiamato "Capazzu"nella filastrocca "La paparina mia", maggiormente conosciuto come "Lapazzu"...
Nella versione originale la filastrocca recita: " E nazzu nazzu nazzu
la paparina cu lu lapazzu
nah ca senza lu lapazzu
la paparina ci me la fazzu."
Il punto (?) della traduzione, pu essere agevolmente sostituito con "Lapazio" (botanicamente conosciuto come "Rumex patientia"); sorta di "bietola" selvatica che serve ad addolcire, nella cottura, il gusto agreste della "paparina".

Un saluto da un salentino sparso per il mondo, ma con le sue radici nel cuore.

Fabio Ciliberti

  

torna su


Pinguli, pinguli

Pinguli, pinguli, Giuvacchinu

sciamu lla chiazza

ccattamu buttuni,

nc'ete na vecchia te tre culuri,

unu a me, unu a te,

l'addhru alla fija te lu Rre.

la fija te lu Rre pittule sta facia

ieu ne dissi dammene una

me rispuse pijane tre,

ieu calai e ne pijai quattru

quiddhra me tese nu bellu piattu:

e ne desi una allu cane

cu me sona le campane,

e ne desi una alla muscia

cu mme lliscia e cu mme lluscia

e ne desi una allu caddhru

cu me porta ncaddhru, ncaddhru

me purtau rretu lla porta

e nc'era na beddhra pecura morta

Pingoli, pingoli, Giovacchino,

andiamo al mercato a comprare bottoni,

c'era una vecchia di tre colori,

uno a me, uno a te, l'altro alla figlia del Re.

La figlia del Re stava facendo le pittole (v.cucina)

io le dissi dammene una, lei mi disse prendine tre,

con la mano ne presi quattro,

allora lei me ne diede un bel piatto:

e ne diedi una al cane per farmi suonare le campane,

e ne diedi una alla gatta per accarezzarmi,

e ne diedi una al gallo per portarmi piano piano,

mi port dietro la porta

dove c'era una bella pecora morta.


nc'era nu Re

nc'era nu Re

ca manciava chi di me,

manciava pane e casu,

veni quai ca te tiru lu nasu.

c'era un Re, che mangiava pi di me

mangiava pane e formaggio

vieni qua che ti tiro il naso.

torna su


Mani maneddhri  

Mani maneddhri

musci musceddhri

vene lu tata e porta li ceddhri

e lli minte susu la banca,

vene la catta 

e se li mancia,

poi vene la zi Maria

essi, essi te casa mia.

mani, piccole mani

gatti, piccoli gatti

viene pap e porta gli uccelli,

e li mette sopra il tavolo,

viene la gatta

 e se li mangia ....

poi viene la zia Maria

esci, esci fuori da casa mia


E' rrivatu Natale

E' rrivatu Natale

nu saciu ci fare

me piju la pippa

e ncuminciu a fumare.

E' arrivato Natale

non so cosa fare,

mi prendo la pipa

e comincio a fumare.

torna su

 

 

Ultimo aggiornamento

 11/06/2006

Nedstat Basic - Free web site statistics