Sei nel sito dell'architetto Pino De Nuzzo - You are in the site of architect Pino De Nuzzo - Vous tes dans l'emplacement de l'architecte Pino De Nuzzo - usted est en el sitio del arquitecto Pino De Nuzzo - sie sind im aufstellungsort des architekten Pino De Nuzzo

PILLOLE DI SAGGEZZA POPOLARE SALENTINA.

Premessa

Proverbi

Stornelli

Indovinelli


Filastrocche, Nenie e Cantilene

 Rimedi poveri contro le malattie

 Antiche ricette di cucina popolare  

Feste, Riti e Usanze

i Cunti


 

Indovinelli

 

Si sono raccolti qui degli indovinelli frutto della fantasia popolare.

Per le soluzioni (che trovate evidenziando la barra gialla) si consiglia di pensare alla semplicit degli usi e costumi di un tempo.

 

 

1)  Tegnu nu monicu,

grassu e tunnu

ca va ngirannu

tuttu lu munnu

dopu ca l'aje ngiratu

a casa sua s'aje ritiratu.   

Ho un monaco, grasso e tondo

che va girando tutto il mondo,

e dopo che l'ha girato

a casa sua si ritirato.  

 

il lievito

 

2)  U tata, tortu e stortu

a mamma pezze, pezze,

a fija tantu beddhra

ca cinca passa

se scappeddhra.       

Il padre torto e storto

la madre tutta a pezze,

la figlia tanto bella

che chi passa si scappella.  

 

la vite

 

3) Tegnu nna canna,

ca rriva a Spagna,

rriva a Turchia                 

e rriva puru a casa mia.  

Ho una canna che arriva in Spagna,

arriva in Turchia ed arriva pure a casa mia.

 

il sole

 

4) Sutta na montagna,

nce don Peppe Conte

culli mani a cintu                

e lu cappeddhru an frunte.

Sotto una montagna, c' don Peppe Conte

con le braccia ai fianchi ed il cappello in fronte.

 

il vaso da notte

 

5)  Tegnu na cosa,

pinta, pintosa,

quantu cchi vai

cchi pinta se face.       

Ho una cosa tinta e ritinta

pi la usi, pi si colora.

 

la carta igienica

 

6)  Tegnu na camiseddhra,

spasa alla finisceddhra,

la otu e la sbotu

sempre mmuddhrata.   

Ho una camicetta stesa alla finestrella,

la giro e la rigiro sempre bagnata.

 

la lingua

 

7) Quannu scinne,

scinne ritennu,

quannu sale,

sale chiangennu.      

Quando scende scende ridendo,

quando sale sale piangendo.  

 

il secchio nel pozzo

 

8)  Ci lu viti, te pare bruttu,

ci lu ndori comu fete,

ma ci lu ssaggi,

viti comu ete.                

Se lo vedi ti sembra brutto

se lo annusi, come puzza!

ma se lo assaggi vedrai com'.  

 

il maiale

 

9) Culli pallini o senza pallini,

cu strisce storte,

o strisce diritte,

oju o nun boju me strince

sempre lu cannaozzu.   

Con pallini o senza pallini

con strisce storte o dritte

voglio o non voglio

mi prende sempre per la gola.  

 

la cravatta

 

10) Ci la face,  

la face p vinnire,

ci la ccatta nu ne serve,

ci ne serve nu la vite.     

Chi la costruisce, 

lo fa per venderla, 

chi la compra non gli serve,

a chi serve non la vede.  

 

la bara

 

11)  Tegnu na carofina,

te tre culuri china

e cinca la nduvina

fija te regina.             

Ho una scatolina piena di tre colori

e chi la indovina figlia di regina.

 

l'uovo

 

12) Vel'aggiu tittu,

e velu dicu,

susu a fimmina

se truvava,

e se null'iti capitu

vel'aggiu tittu,

e velu dicu.               

Vel'ho detto e velo dico

sulla donna si trovava

e se non l'avete capito

vel'ho detto e ve lo dico.  

 

il velo

 

13)  Pilu susu, e pilu sutta,

e a mezzu nc'

lu scattareddhru.           

Pelo sopra e pelo sotto

e in mezzo c' chi non sta mai fermo.

 

l'occhio

 

14)  Tegnu na cosa,

ca ndora te rosa.           

Ho una cosa che odora di rosa.   

 

 

la saponetta

 

15) Fu, fu, ...e la mpizzu. 

corro, corro, ...e l'infilo.                  

   

 

la chiave

 

16) Niuru penne, russu batte,

daje nculu zuccaratte

zuccaratte se rivota

daje nculu naddhra vota

Nero pende, rosso batte

dagli in culo grattazucca (?)

grattazutta si rivolta

dagli in culo un altra volta.  

 

 

la pentola sul fuoco

17) Onde fa, mare nu n'ete,

stule porta e porcu nu n'ete 

Fa le onde, ma non il mare, 

porta le setole e ma non il maiale.      

 

 

il campo di grano

 

18) Tunnu e rutunnu,

bicchere senza funnu

bicchere nu n'ete

dimme tie ci g'ete      

Tondo e rotondo, 

bicchiere senza fondo,

bicchiere non , 

dimmi tu cos'.   

 

 

la fede nunziale

 

19) Tegnu nu raschellu

ca te face lisciu e bellu.    

Ho un rastrello 

che ti fa liscio e bello.  

 

 

il pettine

 

20) Centu ninini,

centu nanini,

centu ninini intra a caggiola,

cinca nduvina stu nduvinellu

porta sanu lu ciriveddhru.  

cento cosine, cento casine,

cento cosine in una gabbia,

chi indovina quest'indovinello

sano di cervello.                       

 

 

la melograna

 

21) Lu inchiu te carne,

e lu lassu stare.                

lo riempio di carne

e lo lascio stare.     

 

 

l'anello

 

22) Quattru peti intra llu lettu,

ca sonane l'organettu,

e lu monicu culla barba

stringi e llarga,

stringi e llarga.          

quattro piedi in un letto, 

che suonano l'organetto,

ed il monaco con la barba

stringe e allarga, stringe e allarga.    

 

 

il telaio per tessere

 

 

23) Statte fermu e nu me tuccare,

quannu me spoji te lu fazzu pruvare

Stai fermo e non mi toccare,

quando mi spogli mi potrai assaggiare

 

il fico d'india

 

 

24) Quannu la calamu,

la calamu tosta;

quannu la cacciamu,

la cacciamu moscia

quando la caliamo, dura,

quando la tiriamo fuori tutta moscia

 

la pasta

 

torna su

 

 

Ultimo aggiornamento

 29/09/2006

Nedstat Basic - Free web site statistics