Sei nel sito dell'architetto Pino De Nuzzo - You are in the site of architect Pino De Nuzzo - Vous tes dans l'emplacement de l'architecte Pino De Nuzzo - usted est en el sitio del arquitecto Pino De Nuzzo - sie sind im aufstellungsort des architekten Pino De Nuzzo

PILLOLE DI SAGGEZZA POPOLARE SALENTINA.

Premessa

Proverbi

Stornelli

Indovinelli


Filastrocche, Nenie e Cantilene

 Rimedi poveri contro le malattie

 Antiche ricette di cucina popolare  

Feste, Riti e Usanze

i Cunti


 

 

Stornelli e Canti

 

 


-  Cranineddhra, ci marchi lu mare,

veni quantu te dicu ddo parole,

quantu te tiru nna pinna te l'ala,

ne scriu na lettera allu miu amore.

Portala beddhra, beddhra a sutta l'ala

cu nnu se scassa ddhru scrittu d'amore

quannu rrivi nu nne la mmusciare,

ci nu tte moscia l'anima e lu core.

Rondinella, che voli sul mare

vieni, devo dirti due parole,

devo tirarti una penna dall'ala

devo scrivere una lettera al mio amore.

Portala bella, bene sotto l'ala

che non si strappi quello scritto d'amore

quando arrivi non gliela mostrare

se non ti mostra l'anima ed il suo cuore.


-  D fimmine me turmentane la vita,

una se chiama Marta e l'addhra Rosa.

La Marta me la fice la ferita,

ca p st'amore nciole u nguentu te la rosa

Due donne mi tormentano la vita

una si chiama Marta e l'altra Rosa.

La Marta mi fece la ferita,

che per quest'amore ci vuole l'unguento della rosa.

torna su


-  S piccinneddhra quantu na calandra,

ogn'omu te desidera a vitire,

nu giovanottu na lettera te mmanna

tice cu nu lu faci pena patire,

tice ca t'ha scucchiata la su mamma,

l'amore pazzerellu lu face ssire.

Si piccinneddhra e teni la ucca a risu

jata ci te lu d lu primu vasu

tammelu a mie ca me l'hai prumisu

nu me fare murire disperatu.

Sei piccola quanto una calandra*

che ogni uomo ti desidera a vederti,

un giovanotto una lettera ti manda

dice di non farlo penare,

dice che ti ha scelta la sua mamma,

l'amore pazzerello lo fa uscire.

Sei piccolina ed hai la bocca inpostata al riso

beato chi ti da il primo bacio

dallo a me che l'hai promesso

non mi fare morire disperato.

*(La calandra un fischietto locale fatto di terracotta riempita d'acqua, il quale fischio riproduce il canto degli uccelli).


-  Ci te l'ha tittu ca te core nu te amu,

duminica te portu allu sciardinu

ddhrai ncete nu fiuru te nu verde ramu

ogni pumeddhru caccia nu rubinu.

Ci te l' tittu ca stasira vegnu?

ci nu vegnu lu core te mmannu.

Chi te l'ha detto che non ti amo di cuore,

domenica ti porto nel giardino

l c' un fiore su di un ramo verde

da ogni stelo tira fuori un rubino.

Chi ti ha detto che stasera vengo?

se non vengo il cuore ti mando.

torna su


-  Quant' bellu l'amore vicinu,

ci nu lla viti la senti cuntare

la senti quannu chiama le caddhrine,

"viniti nane mie be dau mangiare".

Quant' bello l'amore vicino,

se non la vedi la senti parlare

la senti quando chiama le galline

"venite piccole mie, vi d da mangiare".


-  C m guardi, c m mmiri,

nc' periculu ca me hoi?

N m guardare, n m mmirare

ca n m ddunane li toi.

Che mi guardi, che mi scuti

c' pericolo che mi vuoi?

Non mi guardare, non mi scrutare

ch non mi vanno a genio i tuoi.

torna su


-  Lu ceddhru quannu pizzica la fica,

la ucca se la sente zuccarata,

cus facia lu zitu cu la zita,

ogni cantu se fannu na baciata,

e quannu m'hai baciare,

baciame intra la ucca

e quiddhru ete lu veru segnu te l'amore.

L'uccello quando pizzica il fico,

sente la bocca tutta zuccherata,

cos faceva il fidanzato con la fidanzata

ogni canto si fanno una baciata,

e quando mi devi baciare,

baciami dentro la bocca

e quello il vero segno dell'amore.


-  Ulia cu te lu dicu e nu mbulia,

ulia cu te lu ntossicu ddhru core,

e siccomu la mamma tua me face a spia,

te dicu statte bna beddhra mia.

Vorrei dirti e non vorrei, vorrei intossicarti quel cuore,

e siccome tua madre mi spia

ti dico arrivederci bella mia.

torna su


- Brutta scapiddhrisciata,

ieu t'aggiu amata p na fiata sula,

e poi t'aggiu ncaddhrisciata,

ca m' passata sta cagnaula.

Mannaggia quannu nata

ca va dicennu ca nu me ole cchiui

tice pozza murire

ca ieu me presciu quannu mori tu.

- ci te ricordi quannu eri stria,

culli capiddhri tutti scijati,

quannu era tiempu ca ieu te ulia

ca mo li tiempi su passati.

- la prima fiata ca te ncuntrai,

susu la chiesa ieu te vitia

e ieu te tissi tamme na cosa

tie me ticisti passa te casa.

- Brutta spettinata,

io ti ho amata solo una volta,

poi ti ha stancata

perch passato questo desiderio.

Mannaggia a quando nata,

che va dicendo che non mi vuol pi,

dice:"possa morire"

ed io sar contento quando creperai tu!

- Se ti ricordi quand'eri ragazza,

con i capelli tutti spettinati

quand'era il tempo che io ti volevo,

ma quel tempo ora passato.

- la prima volta che t'incontrai,

ti vedevo sulle scale della chiesa

ed io ti dissi "dammi una cosa"

ti rispondesti: "passa da casa".

torna su


-  Nfacciate alla finescia te ddhra vanna,

quannu te visciu e te ne trasi intra.

Ecculu, lu viti? lu viti?

sta se ne vene cullu visazze a ncoddhru

e senza pane.

Affacciati alla finestra da quell'altra parte,

quando ti vedo e ti nascondi dentro.

Eccolo, lo vedi? lo vedi?

sta tornando con le bisaccie in collo e senza pane.

torna su


-  Te ricordi, quannu eri villana,

scvi cujennu cicre e zangni,

e moi ca tai fattu lu sicchiu te lana,

te faci chiamare signura Madama.

Ti ricordi quand'eri villana,

andavi cogliendo verdura in campagna

ora che ti sei fatta un secchio di lana

ti fai chiamare signora Madama.


-  Lu rusciu te lu mare quannu forte,

la fija te lu Rre se ta la morte.

Iddhra se ta alla morte e ieu alla vita,

la fija te lu Rre sta s mmarita.

Iddhra sta s mmarita e ieu me nzuru,

la fija te lu Rre porta lu fiuru.

Iddhra porta lu fiuru e ieu la parma,

la fija te lu Rre sciuta a Spagna.

Iddhra sciuta a Spagna e ieu nTurchia,

la fija te lu Rre ete la sposa mia.

Il rumore del mare quando forte

la figlia del Re si d la morte.

Lei si d alla morte ed io alla vita,

la figlia del Re si sta sposando.

Lei si sta sposandi e pure io,

la figlia del Re porta il fiore.

Lei porta il fiore ed io la palma,

la figlia del Re andata in Spagna.

Lei andata in Spagna ed io in Turchia,

la figlia del Re la sposa mia.  


lu ciucciareddhru (l'asinello)

- Tinia nu ciucciareddhru

ca era na cosa fina

ca se mintia a rajare

ta sera alla matina.

Lu raju ca facia, sembrava nu tenore

ciucciu beddhru te stu core

comu te pozzu am.

Ca quannu rajava facia io-io

ciucciu beddhru te stu core

comu te pozzu am.

- quann' morta mujerama

ieu me manciai u prosciuttu,

quannu mortu lu ciucciu

me misi a lacrim.

- Chiancitilu, chiancitilu,

mortu u ciucciu meu

cuss a ulutu Diu,

purtatilu a seppell.

 

- Avevo un asinello che era perfetto,

 ragliava dalla sera al mattino

Il raglio che faceva sembrava di un tenore

asino bello del mio cuore, come ti posso amar

Quando ragliava faceva io-io

asino bello del mio cuore, come ti posso amar

- Quan' morta mia moglie io mangia il prosciutto

ora che morto l'asino mi son messo a piangere.

- Piangetelo, piangetelo, morto l'asino mio

cos ha voluto Dio, portatelo a seppellir.

 


Ci hai Ntunietta mia

- Ci hai Ntunietta mia ca mara stai

ca te la ccattu ieu la veste nova

larillalleru l. (ritornello)

- E quannu scera all'altare p spusare

lu vecchiu le cose sante nu lle sapa

dimmele tie Ntunietta mia

- E quannu scera alli balli p ballare

lu vecchiu li balli moterni nu lli sapa

zzumpa tie Ntunietta mia.

- E quannu scera alla taula p manciare

lu vecchiu le cose toste nu lle puta

cazzale tie Ntunietta mia.

- E quannu scera allu lettu p curcare

lu vecchiu la nchianata nu lla faca

zziccate mmie Ntunietta mia

 

Cos'hai Antonietta mia che sei triste

te la compro io la veste nuova, larillalleru l.

- E quando andarono all'altare per sposare

il vecchio le cose di chiesa non le conosceva

dimmele tu Antonietta mia.

- E quando andarono ai balli per ballare

il vecchio i balli moderni non li conosceva

salta tu Antonietta mia.

- E quando andarono al tavolo per mangiare

il vecchio le cose dure non le masticava

schiacciale tu Antonietta mia.

- E quando andarono al letto per coricarsi

il vecchio non riusciva a salirci sopra

attaccati a me Antonietta mia.

torna su


- E' rrivatu lu fruttu nou,

ed lu cummarazzu,

beddhra mia tamme te brazzu

quannu mammata nu nc'.

Rit. Quannu mammata nun c'

lassa tuttu e chiama me

ca te jutu llu caricare,

allu scaricare quannu nc'

- E' rrivatu lu fruttu nou, 

ed lu pummitoru,

beddhra mia tamme te ndoru

quannu mammata nu nc'.

- E' rrivatu lu fruttu nou, ed lu pipirussu,

beddhra mia tamme te lluzzu

quannu mammata nu nc'.

- E' rrivatu lu fruttu nou, 

e gete la cirasa,

beddhra mia ulia te vasa

quannu mammata nu nc'.

- E' arrivato un frutto nuovo, ed il cetriolo,

 bella mia vorrei abbracciarti quando tua madre non c'.

Quando tua madre non c'

lascia tutto e chiama me,

che ti aiuto al caricare, allo scaricare quando c'.

- E' arrivato un frutto nuovo, ed il pomodoro,

  bella mia vorrei odorarti quando tua madre non c'.

- E' arrivato un frutto nuovo, ed il peperone,

  bella mia vorrei strisciarti quando tua madre non c'.

- E' arrivato un frutto nuovo, ed la ciliegia,

  bella mia vorrei baciarti quando tua madre non c'.

torna su

 


- e ieu cantu lu cucuruc

dimme, dimme ci g ca voi tu

 

e ieu ulia li tuoi bei capelli,

te li capelli ci g ca n'hai f?

p fare u nidu alli passerelli

p cantare lu cuccuruc.

 

- e ieu cantu lu cucuruc

dimme, dimme ci g ca voi tu

 

e ieu ulia le tue ntrame,

te le mie ntrame ci g ca n'hai f?

p fare corde te le campane

p sunare lu cuccuruc.

 

- e ieu cantu lu cucuruc

dimme, dimme ci g ca voi tu

 

e ieu ulia na bella carusa,

te sta carusa ci g ca n'hai f?

ulia cu mintu cu fazzu razza

p cantare lu cuccuruc.

ed io canto il cucuruc

dimmi, dimmi che cosa vuoi tu?

 

Io vorrei i tuoi capelli

dei capelli che ne devi fare?

per fare il nido ai passerelli

che possan cantare il cuccuruc.

 

Rit.

 

Io vorrei i tuoi intestini,

dei miei intestini che ne devi fare?

per fare corde di campane

che possan suonare il cuccuruc.

 

Rit.

 

Io vorrei una bella ragazza,

di questa ragazza che ne devi fare?

vorrei mettermi a fare razza

per cantare il cuccuruc.

torna su


 CANTI DI LAVORO

-  Fimmne, fimmane ca sciati a vinnimare,

sutta lu cippune ve la faciti fare.

Fimmne, fimmane ca sciati allu tabaccu,

ne sciati doi e ne turnati quattru

Femmine, femmine che andate a vendemmiare

sotto la vigna vi prendono in giro

Femmine, femmine che andate a vendemmiare

ne andate due e ne tornate quattro.

 

- Ci te la tittu cu chianti lu tabaccu,

la ditta nu te da li talaretti.

Chi ti ha consigliato di piantare tabacco,

la ditta non ti da neppure i telai.

torna su


TARANTATE SCIOLTE

-  O Santu Paulu meu, te le tarante

o Santu Paulu meu te le tarante,

pizzichi le vagnune, pizzichi le vagnune

pizzichi le vagnune a menzu l'anche.

O S.Paolo mio delle tarante,

 o S.Paolo mio delle tarante,

pizzichi le ragazze, pizzichi le ragazze,

pizzichi le ragazze tra le gambe.

 

O Santu Paulu meu, te li scursuni,

o Santu Paulu meu, te li scursuni,

pizzichi li vagnuni, pizzichi li vagnuni,

pizzichi li vagnuni alli cujuni,

O S.Paolo mio dei serpenti,

o S,Paolo mio dei serpenti,

pizzichi i ragazzi, pizzichi i ragazzi,

pizzichi i ragazzi ai testicoli.

 

E u tammurreddhru meu vene te Roma,

u tammurreddhru meu vene te Roma,

e jata a ci lu zzicca, e jata a ci lu zzicca,

e jata a ci lu zzicca e ci lu sona.

E il mio tamburrello viene da Roma,

il mio tamburrello viene da Roma,

beato chi lo prende, beato chi lo prende,

beato chi lo prende e chi lo suona.

 

Beddhra se a mare vai, a mare vegnu,

beddhra se a mare vai, a mare vegnu,

ma se te futti a mare ma se te futti a mare

ma se te futti a mare, me ne tornu.

Bella se al mare vai, al mare vengo

Bella se al mare vai, al mare vengo

ma se ti butti in mare, ma se ti butti in mare,

ma se ti butti in mare, me ne torno.


torna su

 

 

Ultimo aggiornamento

 11/06/2006

Nedstat Basic - Free web site statistics